E se stavolta vincessero i Pellerossa?

Lo scorso 18 giugno l’organo d’appello dell’ufficio brevetti e marchi degli Stati Uniti (USPTO) ha acconsentito alla cancellazione dal registro dei marchi di sei segni distintivi appartenenti alla squadra di football dei Washington Redskins. Il motivo della decisione è che il termine pellerossa, “redskin” appunto, è offensivo nei confronti dei nativi americani e, quindi, ha accolto la richiesta di quest’ultimi di rimuovere i relativi marchi.

L’opinione pubblica è già divisa. Alcuni esultano per il fatto che i nativi si siano riappropriati dei loro simboli e che abbiano reagito contro lo stereotipo di indigeni selvaggi e aggressivi indebitamente appiccicatogli addosso per i comodi di una squadra di football. Altri, invece, ritengono il provvedimento esagerato. Dopotutto quei marchi sono stati usati da molto tempo senza un diretto intento offensivo e, inoltre, non è raro che delle squadre sportive negli Stati Uniti adottino nomi minacciosi o bellicosi. L’avvocato della squadra ritiene che tutto finirà in una bolla di sapone e si dice tranquillo.

Sia chiaro, la cancellazione dei marchi dal registro non impedirà alla squadra di football di continuare a usare i suoi simboli. Semplicemente, è stato ritenuto che lo Stato non possa garantire un monopolio privato su un nome che può essere potenzialmente offensivo. In realtà, ciò non è inusuale. Diverse leggi sul diritto dei marchi contengono clausole di salvaguardia che pongono dei limiti alla possibilità di registrare nomi e simboli. Tuttavia se il divieto di fare un improprio uso pubblicitario di simboli appartenenti a minoranze o irrispettose nei loro confronti dovesse diventare un trend, forse ciò vorrà dire che siamo di fronte a un progressivo sviluppo della ratio dei marchi i quali, soprattutto se famosi, verrebbero per così dire “responsabilizzati”. Ergo, non potrebbero limitarsi ad essere interpretati come semplici indicatori dell’origine di un prodotto e ambasciatori della reputazione del produttore, lavandosi le mani di ogni associazione mentale impropria che potrebbero ingenerare. E se stavolta vincessero i pellerossa?

p.s. aggiungo qui in basso una delle immagini incriminate. Secondo voi è offensiva? Per me sì.

5890_128430656203_5047510_n